Il Consiglio di Stato dà l’ok alla destituzione di Bellomo, indagato per aver ricattato le allieve

La decisione presa dall’organo di autogoverno della magistratura amministrativa ha pochi precedenti nella storia giudiziaria italiana
ANSA

Il consigliere di Stato Francesco Bellomo a una festa


Pubblicato il 10/01/2018
Ultima modifica il 10/01/2018 alle ore 18:54

Parere favorevole alla destituzione del consigliere Francesco Bellomo è arrivato stamani dall’adunanza generale del Consiglio di Stato. La decisione presa dall’organo di autogoverno della magistratura amministrativa ha pochi precedenti nella storia giudiziaria italiana. 

 

Bellomo è indagato per aver ricattato allieve della scuola Diritto e Scienza, da lui diretta, che venivano preparate al concorso di accesso alla magistratura. Secondo la denuncia del padre di una di loro, che ha fatto scoppiare il caso, alle borsiste venivano imposte minigonne, tacchi a spillo e trucco marcato, oltre alla risoluzione del contratto se si fossero sposate

 

Sulle vicende che hanno portato il Consiglio di Stato alla decisione di oggi, diverse procure hanno aperto indagini nelle quali si ipotizzano reati che vanno dall’estorsione, alle minacce. 

A seguito delle denunce, il pm di Rovigo Davide Nalin, assistente di Bellomo e anche lui finito sotto indagine, è stato sospeso dal Csm

 

La decisione presa oggi dall’Assemblea plenaria del Consiglio di Stato non sarà immediatamente operativa. Bisognerà attendere il passaggio al Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa che avrà il compito di redigere il decreto di destituzione. Dopo la firma del documento da parte del presidente della Repubblica, Bellomo dovrà lasciare la magistratura

 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno